Bonus asilo nido: come funziona, requisiti e importi

Il nuovo Bonus nido 2020 -si legge in un comunicato dell'Inps- è partito il 17 gennaio scorso. In questa pagina cerchiamo di capire come funzioni e i requisiti richiesti per fare la domanda.

Si tratta di un contributo che rientra tra quelli a sostegno del reddito delle famiglie che devono affrontare il pagamento del servizio (sia pubblico che privato) degli asili nido. Parliamo di neonati, bambini fino a 3 anni, anche in caso di adozione.

L'agevolazione viene estesa anche a coloro che necessitano di forme di assistenza domiciliare, in caso di gravi patologie croniche.

Per l'anno in corso è stato incrementato l'importo destinato alle famiglie, fino ad un massimo di 3.000 euro. Il bonus varia a seconda dell'ISEE Minorenni (Indicatore della Situazione Economica Equivalente di nuclei familiari con un solo genitore e un minore), requisito fondamentale per accedervi.

Requisiti Isee Minorenni e importi per Bonus Nido
  • fino a 3.000 euro
    contributo mensile* (massimo): 272,5 euro
    con ISEE inferiore o uguale a 25.000 euro
  • fino a 2.500 euro
    contributo mensile* (massimo): 227,27 euro
    con ISEE tra 25.001 e 40.000
  • fino a 1.500 euro
    contributo mensile* (massimo): 222,27 euro
    con ISEE superiore a 40.000
*si tratta di 10 mensilità più un'undicesima di importo tale da non superare il tetto annuale.

Il contributo viene erogato direttamente dall'Inps a coloro che ne fanno richiesta.

Bonus nido, come fare domanda
Esistono tre modalità per la richiesta.
  • Online
    accedendo con le proprie credenziali sul sito internet dell'Inps (tramite Pin, Spid o CNS)
  • Telefonicamente (servirà il Pin)
    numero verde gratuito (da fisso): 803.164
    numero (da cellulare): 06.164.164
  • Tramite patronato
    come ad esempio i CAF
Nel modulo della domanda si dovrà specificare la natura del bonus: asilo nido o assistenza domiciliare.
Si deve fare richiesta per ogni figlio, quindi tre figli = tre domande distinte.
Neonato che gioca - Asilo
Chi aveva già fatto domanda del bonus nido lo scorso anno, 2019, riceve un messaggio che invita ad integrare la richiesta senza doverne produrre una nuova. Tra questi, chi non avesse ancora provveduto ad inoltrare la documentazione della spesa, avrà tempo fino al 1° aprile 2020.

L'Inps tiene a precisare che tutte le richieste effettuate regolarmente l'anno precedente sono coperte dal fondo dedicato. Una risposta ad alcuni articoli di stampa dove si faceva riferimento all'esaurimento dei fondi.

Risorse
Potrebbe interessarti
Tra i requisiti vi sono anche la residenza in Italia, la cittadinanza italiana o nella Comunità Europea, oppure essere extracomunitari con permesso di soggiorno UE di lungo periodo. Necessaria la convivenza con il minore, oggetto della richiesta.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi il tuo commento qui sopra, seguendo le indicazioni per la pubblicazione