Ecobonus auto 2019-2021. Incentivi statali per l'acquisto

Sono partiti il 1° marzo gli eco-incentivi per chi acquista una nuova auto. L'ecobonus 2019 sarà usufruibile fino al 31 dicembre 2021, quindi per quasi tre anni, 2020 incluso. Vediamo come funzionano gli sconti statali previsti nella legge di Bilancio.

L'agevolazione economica è stata pensata per chi compra un'automobile ecologica, elettrica o ibrida (metano o GPL), di categoria M1, immatricolata in Italia.

La spesa massima che si può sostenere per l'acquisto ammonta a 61.000 euro (Iva inclusa). Il bonus potrà essere richiesto sia in caso di rottamazione del vecchio veicolo (da effettuare entro 15 giorni dalla data di acquisto), sia senza rottamazione.
  • Auto elettrica o ibrida (emissioni di CO2 sotto i 20 g/km)
    6.000 euro di sconto con rottamazione (Euro 1-4)
    4.000 euro di sconto senza rottamazione
  • Auto elettrica o ibrida (emissioni di CO2 tra 21 e 70 g/km)
    2.500 euro di sconto con rottamazione (Euro 1-4)
    1.500 euro di sconto senza rottamazione
Inoltre, vi sono altri incentivi: esenzione del bollo per le auto elettriche, importo bollo ridotto per auto ibride, agevolazioni per chi trasforma la propria auto da benzina a elettrica.

Ecotassa auto (lusso, SUV...)
Di contro, per chi invece acquista un'auto di lusso, SUV, o comunque un veicolo le cui emissioni di CO2 superano i 160 g/km. L'importo varia da 1.100 a 2.500 euro.

Eco-Bonus Auto 2019, 2020, 2021. Eco-incentivi
Informazioni
Per maggiori dettagli è disponibile il numero di telefono 848.886886 (da lunedì a venerdì, ore 09-18). Addebito secondo tariffa urbana a tempo da rete fissa; secondo piano del proprio gestore da cellulare. Contatti via web sul sito.

Sito internet ufficiale: Ecobonus Auto (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti)



Seguono articoli di qualche anno fa

Eco-incentivi 2014-2015 auto, moto (metano, gpl)

Arriva dal Ministero dello Sviluppo Economico la notizia relativa alla nuova sessione di eco-incentivi destinati ai mezzi di trasporto con limitato impatto ambientale. A partire dal prossimo 6 maggio 2014, un martedì, tutti i venditori che vogliono usufruire del contributo statale potranno prenotarsi online (è necessario registrarsi). Il ministero tiene a precisare che si tratta di una decisione pressa in favore dell'ambiente e non per incentivare la vendita di auto.

La sigla che definisce questa tipologia di veicoli è "BEC", che significa "Basse Emissioni Complessive". Rientrano nella categoria diversi modelli, tra i quali menzioniamo quelli elettrici, ibridi, a metano, biometano, GPL, biocombustibili, idrogeno. Potranno beneficiare dell'agevolazione, le automobili, i veicoli leggeri utilizzati per il commercio, i ciclomotori, i motocicli (2 o 3 ruote) e i quadricicli.

Il fondo stabilito per il 2014 è suddiviso tra pubblici e privati. Il 50% degli eco-incentivi sarà indirizzato verso i mezzi delle aziende e quelli di pubblica utilità, come i taxi, il noleggio... Unico obbligo per ottenere il contributo è quello di rottamare un veicolo che abbia minimo dieci anni, a meno che non si decida di acquistare un nuovo mezzo con emissioni sotto i 95 g/km (elettrico o ibrido); in questo ultimo caso non è richiesta la rottamazione.
Dei 120 milioni di euro messi a disposizione per il periodo 2013-2015, saranno 31,3 milioni quelli utilizzati per il 2014.

Sconto con eco-incentivi. Lo sconto ammonta al 20% del valore totale dei veicolo acquistato. Sono stati fissati dei limiti massimi a seconda della categoria: 5.000 euro con emissioni CO2 < 50 g/km; 4.000 euro con emissioni CO2 < 95 g/km; 2.000 euro con emissioni CO2 < 120 g/km.
Per il 2015 lo sconto scende al 15%.

Requisiti per usufruire degli eco-incentivi. Il veicolo acquistato dev'essere nuovo, ossia non immatricolato. Nei casi in cui è necessaria la rottamazione (vedi sopra), questa deve riguardare un veicolo dello stesso tipo (moto con moto, auto con auto, mezzo commerciale con mezzo commerciale) con più di dieci anni di vita. Inoltre il veicolo da rottamare deve risultare in possesso dell'acquirente da almeno un anno. L'agevolazione si applica direttamente sul prezzo di vendita al cliente. In altri casi si riceve il contributo tramite credito d’imposta.
I venditori devono consegnare al cliente il veicolo nuovo entro 3 mesi dalla prenotazione e devono consegnare entro 15 giorni il veicolo da rottamare al demolitore, altrimenti si perde il contributo. Il cliente deve essere messo a conoscenza di tali vincoli.

Per ulteriori informazioni sugli eco-incentivi
Portale web ufficiale (BEC): www.bec.mise.gov.it
Legge di riferimento: Decreto Legge 83/2012 convertito dalla Legge 134/2012

Incentivi Fiat, Lanci, alfa Romeo

Se lo Stato non incentiva, ci pensano le aziende. E così, anche Fiat si è lanciata, così come aveva fatto lo scorso anno, su un programma di incentivi che possono stimolare il desiderio di acquisto di chi vuole acquistare una nuova automobile.
Fiat, Lancia e Alfa Romeo propongono, infatti, da marzo 2014, alcune interessanti proposte che riguardano i motori a minor impatto ambientale, quelli ecologici.

Gli incentivi riguardano quindi le vetture nate a Metano e GPL. Per tutto il mese di marzo sarà possibile usufruire fino a 5 mila euro di bonus, a cui si aggiunge un finanziamento quinquennale a interessi TAN zero, e senza bisogno di anticipo.

Non si poteva aspettare oltre, gli incentivi statali promessi, anche perché poi nessuno ne aveva garantito l'inizio. Fiat Chrysler Automobiles (FCA) ha fatto la sua mossa d'anticipo, venendo incontro a tutti quegli automobilisti che aspettavano queste agevolazioni per acquistare un'automobile.

Un bel risparmio. Sia in fase di acquisto, sia in fase di consumo, visti i bassi prezzi di gpl e metano, a differenza della benzina. Tra le vetture che rientrano nella campagna 2014 degli incentivi troviamo:
Fiat Punto Natural Power, Alfa Romeo Giulietta e Lancia Delta MY 2014.

Programmati due fine settimana di "Porte aperte" nei concessionari: 8-9 e 22-23 marzo. Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio rivenditore di fiducia.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi il tuo commento qui sopra, seguendo le indicazioni per la pubblicazione