Come regolarizzare colf, badanti. Diritti del lavoratore

Colf, badante, in generale il lavoratore domestico, rappresenta quella figura impiegata per assistere, aiutare il datore di lavoro all'interno del contesto familiare. Il candidato può essere sia specializzato, come ad esempio gli infermieri (ma rientrano nella categoria anche autisti, giardinieri, custodi...), sia privo di alcune competenza particolare.

Tipologie di contratto

Vi sono diverse tipologie di contratto, a seconda che il lavoratore:
  • lavori e vivi all'interno dell'abitazione, usufruendo di vitto e alloggio
  • sia impiegato quotidianamente per più di 4 ore o 24 nell'arco della settimana
  • presti il proprio servizio ad ore, per un totale che non superi le 24 ore settimanali
In questi casi è obbligatoria l'assicurazione del dipendente, anche se già assicurati per altre mansioni, se in pensione, se in prova.

Nel 2009 sono state decise dal Governo alcune disposizioni affinché venisse meno il cosiddetto "lavoro in nero", ossia irregolare, senza contributi, tasse, assicurazione. allora era possibile dichiarare il rapporto di lavoro pagando 500 euro per il dipendente, un "contributo di accesso" al sistema previdenziale, alla regolarizzazione. Dopodiché si pagavano i bollettini che l'Inps spediva ogni anno.

Oggi come oggi non vi sono sanatorie al riguardo. Chi ha intenzione di assumere una persona deve comunicarlo obbligatoriamente all'Inps almeno 24 ore prima dell'inizio del rapporto lavorativo.

Basta infatti questa comunicazione per essere in regola. La segnalazione al Ministero del lavoro, della salute, all'Inail, alla Prefettura, è automatica, non serve che sia fatta dal datore di lavoro.

Chi non comunica tale posizione rischia molto a livello legale.
Si devono poi comunicare anche eventuali variazioni di contratto.


Regolarizzazione colf, badanti
Per procedere con la regolarizzazione di colf, badanti si può agire in diversi modi:
  • tramite telefono: numero verde 803.164, saranno richiesti i dati utili per il contratto (serve il PIN fornito dall'Inps, per sapere come richiederlo leggi Inps online. Tutto Pin)
  • tramite internet: sul sito -www.inps.it, seguendo le sezioni "Servizi al cittadino", "lavoro domestico", "iscrizione rapporto di lavoro"
  • oppure tramite il CAF, i patronati e i commercialisti
L'Inps si occuperà poi di verificare le informazioni e di creare una cartella del lavoratore, con i contributi versati nel tempo.
Tra i dati che verranno richiesti vi sono nome, cognome, codice fiscale del datore di lavoro e del lavoratore; la data di assunzione, il tipo di rapporto di lavoro con retribuzione e orari.

Diritti del lavoratore
Come qualsiasi altro lavoratore, anche colf e badanti hanno i propri diritti. Non potendo elencare tutte le informazioni in questa pagina, segnaliamo qui sotto un documento in formato pdf dell'Inps dove vengono spiegati diversi argomenti, dall'inquadramento al periodo di prova, dal riposo alle ferie, dagli orari agli straordinari, ai festivi. Ma anche assenze, malattia, diritto allo studio, permessi per il matrimonio, tutela delle lavoratrici mamme. Tutti i dettagli li trovi in questo pdf: Rapporto di lavoro - Lavoratori domestici.

Informazioni Inps-Inail
numero verde 803164
numero per chi telefona con cellulare: 06164164 (tariffi secondo piano tariffario del proprio gestore)
Si può telefonare da lunedì a venerdì, dalle 8 alle 20 e il sabato dalle 8 alle 14.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi il tuo commento qui sopra, seguendo le indicazioni per la pubblicazione